Username: Password:

NOI DUE - ANNULLATO

SPETTACOLO - 02 Dicembre 2018 - 17:30

Causa influenza delle interpreti si annulla lo spettacolo del 2 dicembre che verrà riproposto PROSSIMAMENTE

 

 

AL TEATRO DEGLI EROI DAL 23 AL 25 NOVEMBRE LORENZA GUERRIERI, ANNA MARIA ACHILLI E DANIELA ROSCI IN “NOI DUE”, TRATTO DAL ROMANZO DI PAOLA NICOLETTI “RACCONTAMI IL MARE CHE HAI DENTRO”, REGIA DI PIER LUIGI NICOLETTI

Un viaggio nel mondo di Paola e Lillo, un percorso che si snoda nell’intimo e nel quotidiano di una madre e di un figlio autistico, nelle paure, nelle preoccupazioni, nelle piccole gioie e nelle speranze.

 

Debutta al Teatro degli Eroi dal 23 al 25 novembre NOI DUE, spettacolo tratto dal romanzo “Raccontami il mare che hai dentro” di Paola Nicoletti (edizioni Pendragon), con Lorenza Guerrieri, Anna Maria Achilli e Daniela Rosci, regia di Pier Luigi Nicoletti.

Un viaggio nel mondo di Paola e Lillo, un percorso che si snoda nell’intimo e nel quotidiano di una madre e di un figlio autistico, nelle paure, nelle preoccupazioni, nelle piccole gioie e nelle speranze. NOI DUE ci porta con occhio discreto nella loro vita privata per raccontare, al di là dei luoghi comuni, cos’è l’autismo, come si vive e come si può affrontare.

NOI DUE, - afferma l’autrice Paola Nicoletti – è un titolo che prelude ad una storia d'amore; ed è proprio una storia d'amore che raccontiamo, la più nobile, quella tra una madre e suo figlio... autistico.

In un luogo non luogo, in un'atmosfera quasi irreale, in un mondo che cambia prospettive, una madre rivive le fasi del suo viaggio alla ricerca del passaggio a NORD OVEST per arrivare nel cuore e nella mente di suo figlio”.

Uscito nel 2017, il libro di Paola Nicoletti ha spinto l’Associazione Aicab (Associazione cantanti attori e ballerini) a dar vita a METTIAMOCI LA FACCIA, movimento nato spontaneamente tra i lettori di “Raccontami il mare che hai dentro” che hanno deciso, vista l’urgenza e la forza dell’argomento trattato, di farsi una fotografia con il libro in mano, a testimoniare ‘io ci sono, ci metto la faccia’. Da questo movimento spontaneo è nato dunque il  settore dell'Aicab dedicato  al sociale ed in particolar modo al mondo dell'autismo, con progetti che sposano l'arte con la terapia, attraverso la musica, e la danza.

 

Ufficio stampa brizzi comunicazione-Monica Brizzi 3345210057

 

Video